Istituti Tecnici Superiori: una reale alternativa

Nel dicembre 2010 la Giunta regionale ha approvato le prime sette candidature per la costituzione delle Fondazioni ITS: a Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena, Modena, Parma, Piacenza e Reggio Emilia nascono i primi nodi della rete regionale di Istituti Tecnici Superiori (ITS), scuole post diploma altamente specializzate per formare tecnici nelle figure professionali più richieste dalle imprese.

Gli ITS – Fondazioni costituite da istituti di istruzione secondaria superiore, enti di formazione professionale accreditati dalla Regione, imprese, universitĂ  e centri di ricerca, enti locali – formano tecnici superiori per l’efficienza energetica, la mobilitĂ  sostenibile, le nuove tecnologie della vita, le nuove tecnologie per il “Made in Italy”, le tecnologie innovative per i beni e le attivitĂ  culturali e le tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Figure capaci di risponde alla domanda proveniente dalle aree strategiche del mondo del lavoro e in grado di contribuire, soprattutto in termini di capacitĂ  d’innovazione, alla competitivitĂ  del sistema economico-produttivo regionale.

I percorsi ITS, alternativi all’Università ma ad essa collegati, saranno attivati dall’anno formativo 2011/2012. Durano quattro semestri (1800/2000 ore), al termine dei quali viene rilasciato il diploma di tecnico superiore. Prevedono tirocini obbligatori, anche all’estero, il 50% di docenti provenienti dal mondo del lavoro e una struttura modulare.

Alle Fondazioni già avviate, aperte all’ingresso successivo di altri soggetti presenti sul territorio regionale, nei primi mesi 2011 si aggiungeranno quelle di Ravenna e Rimini per completare il disegno regionale.

ITS: una rete regionale
La collocazione delle Fondazioniè provinciale, ma in una logica di sistema regionale. Ciascun ITS deve saper rispondere alle esigenze delle persone e ai fabbisogni formativi di tutte le imprese del territorio regionale e, per farlo, deve coinvolgere piĂą soggetti, differenti tra loro per specificitĂ  e collocazione territoriale. Allo stesso modo i nodi della rete di ITS – che opera sulla base di piani triennali negli ambiti e secondo le prioritĂ  indicati dalla programmazione regionale – devono collaborare mettendo a disposizione eccellenze, esperienze e competenze.

L’obiettivo è offrire proposte formative post diploma rispondenti alle necessità di innovazione di filiere produttive e ambiti settoriali di specializzazione sui quali si fonda lo sviluppo del sistema economico regionale. E, in una logica di rete regionale, sostenere la valorizzazione della cultura tecnica e tecnologia in Emilia-Romagna e permettere ai giovani di acquisire le competenze necessarie per costruire la propria vita professionale e crescere insieme ad un contesto economico-produttivo in continua evoluzione.

Gli ITS giĂ  costituiti sono:

  • Bologna

ITS per le nuove tecnologie per il made in Italy – Sistema meccanica-automazione industriale

Istituzione scolastica: IIS “Aldini Valeriani-Sirani”

Ente di Formazione: Fondazione Aldini Valeriani

Imprese: IMA – Marchesini Group

UniversitĂ : Alma Mater Studiorum

Ente Locale: Provincia di Bologna

  • Ferrara

ITS per le tecnologie innovative, i beni e le attività culturali – Sistema per l’abitare

Istituzioni scolastiche: IIS “G.B.Aleotti” e TSC “G.Monaco” di Pomposa

Enti di Formazione: Euspe – Ial E.R. – Ecipar – Cesvip – Centoform – Consorzio Formedil -Er

Imprese: IBF s.r.l. – Lavoranti in Legno Scarl/Par.Co s.r.l. – Sogea Costruzioni s.r.l.

UniversitĂ  di Ferrara

Ente Locale: Comune di Ferrara

Altri soggettI: Geometri e geometri laureati E.R. – Fondazione Geometri Ferraresi -Fondazione Geometri Italiani

  • Forlì-Cesena (Cesena)

ITS per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione

Istituzione scolastica: IT “Blaise Pascal”

Ente di Formazione: A.E.C.A. Bologna

Imprese: Compositori Industrie Grafiche S.r.l.

CHIA Lab. s.r.l.

UniversitĂ : ISIA di Faenza

Centri di ricerca: I.S.R.E. Istituto Superiore Internazionale Salesiano di Ricerca Educativa

Ente Locale: Provincia di Forlì-Cesena

Altri soggetti: Associazione Poligrafici Modenesi

  • Modena

ITS per le nuove tecnologie per il made in Italy – Sistema meccanica e materiali

Istituzione scolastica: ITIS “Fermo Corni”

Enti di Formazione: IAL E.R. – Ente Diocesano per la salvezza e l’educazione della gioventĂą – Nuova Didactica – Centro servizi PMI – CNI Ecipar – Formart

Imprese: Ferrari – Caprari – Elettromeccanica Tironi – S.C.E. – I.S.T. – C.M.S. – Tec Eurolab – Case Newholland Italia (To) – Lorilabors s.r.l. – Piacentini Costruzioni – Salami – Qonsult – Galvanica Nobili – Tecma – Margen –

Malagoli Aldebrando – Democenter/Sipe.

Università: Università di Modena e Reggio –Dipartimento Ingegneria meccanica e civile

Enti Locali: Comune di Modena – Comune di Bomporto

  • Parma (San Secondo Parmense)

ITS per le nuove tecnologie per il made in Italy – Sistema agroalimentare

Istituzioni scolastiche: ISISS “Galilei-Bocchialini-Solari” – ITIS “L.Da Vinci”

Enti di Formazione: Cisita – Alma s.r.l.

Imprese: F.lli Tanzi s.p.a.

Centri di ricerca: Stazione Sperimentale per l’Industria delle conserve Alimentari di Parma

Ente Locale: Provincia di Parma

Altri soggetti: Camera di Commercio di Parma

  • Piacenza

ITS per la mobilità sostenibile – Logistica e mobilità delle persone e delle merci

Istituzione scolastica: IIS “G.Marconi”

Enti di Formazione Professionale: Consorzio Forpin – Enaip

Imprese: Terminal Piacenza – Intermodale

Centro di ricerca: Fondazione Istituto sui Trasporti e la Logistica

Ente Locale: Comune di Monticelli d’Ongina (Pc)

  • Reggio Emilia

ITS per le nuove tecnologie per il made in Italy -Sistema meccanica-meccatronica

Istituzione scolastica: ITIS “Leopoldo Nobili”

Enti di Formazione: Ifoa – CIS – Centro Servizi Pmi – Ecipar – Form.Art

Imprese: Comer Industries (Mi) – Bema – Elettric80 – Clevertech – Reggiana Riduttori – Lodi Luigi E Figli – Walvoil – A.E.B. – S.E.I. – M.A.S – Casarini – Logit –

Università: Università di Modena e Reggio – Dipartimento di Scienze e Metodi dell’Ingegneria

Ente Locale: Provincia di Reggio Emilia

fonte: www.emiliaromagnasapere.it